Info: 333 1111 278 - VIA sismondi, 67 - 20133 milano

  • Tatuaggi Milano
  • Tatuaggi Milano

Domande frequenti su tatuaggi e piercing

faq

Dedichiamo questa sezione ad alcuni approfondimenti sul mondo del tatuaggio e del body modification, cercando di dare una risposta a tutti i dubbi e le domande che abbiamo raccolto durante la nostra attività.

L'obiettivo è una piccola guida che, arricchita anche dalle vostre domande che potrete porci in qualsiasi momento, possa aiutarvi a eliminare facili pregiudizi e stereotipi, orientandovi verso la scelta che più vi rappresenta.

Il tatuaggio fa male?
il dolore varia in base alla posizione,la grandezza e il tipo di tatuaggio, considerando sempre la sensibilità della pelle che cambia da persona a persona.

Quali sono le zone piu dolorose per un tatuaggio?
Le zone piu sensibili sono quelle dove c'è minore spessore tra pelle e osso quindi: piede, caviglia (nei pressi del malleolo), mano, costole, petto, ginocchia e gomiti.

fa piu male un tatuaggio in bianco e nero o colorato?
sicuramente il tatuaggio a colori è più doloroso perche necessita di più lavorazione per l'applicazione di livelli diversi di colore rispetto ad un disegno in bianco e nero, eccezioni fatte per alcuni stili di disegno quali tribali e maori.

quanto costa un tatuaggio?
il costo del tatuaggio varia in base alla complessità, alla grandezza del disegno da realizzare e dalla quantitÀ di colori utilizzati.

quanto tempo ci vuole per fare un tatuaggio?
le tempistiche sono strettamente legate al tipo di disegno che può variare da una mezz'ora per un tatuaggio piccolo a più ore per la realizzazione di un disegno piu complesso e articolato nello stile e nel genere.

come si cura un tatuaggio?
un tatuaggio appena fatto viene protetto con un lieve strato di vaselina e coperto con la pellicola direttamente in studio per evitare che, una volta all'aperto, polvere e sporcizia si depositino sulla ferita fresca ed evitando che il l'inchiostro utilizzato macchi i vestiti.
Il giorno seguente consigliamo di togliere la pellicola e di idratare il tatuaggio con una crema idratante e lenitiva (tipo bephantenol) se possibile tenendo la zona tatuata scoperta.
nel caso si debba venire a contatto per cause lavorative o diverse con sporcizia e polvere coprire il tatuaggio con pellicola, non più del tempo strettamente necessario.
evitare il contatto con l acqua utilizzando uno strato abbondante di vasellina e assolutamente al riparo dai raggi solari.

è normale che in guarigione il tatuaggio si screpoli?
in fase di guarigione è normale aspettarsi che si formino delle pellicine o che il colore si attenui da quello di partenza.

si puo essere allergici ai materiali utilizzati per il tatuaggio?
si può essere o diventare intolleranti sia ai colori utilizzati durante il tatuaggio che al materiale d utilizzo quali aghi e simili.a tal proposito viene sempre effettuato un test prima dell effettuazione del tatuaggio per scongiurare eventuali reazioni allergiche.

si posso contrarre malattie con un tatuaggio?
no, poichè lavorando in totale sicurezza, utilizzando materiali sterili monouso e sanificando l'ambiente garantiamo il massimo della protezione e dell'igiene necessari.

che materiali vengono usati per un tatuaggio?
per l'effettuazione di un tatuaggio vengono utilizzati solo materiali monouso sterili quali aghi e protezioni e colori certificati CE.

a cosa bisogna fare attenzione quando si va a fare un tatuaggio o un piercing?
al di là dell aspetto puramente estetico,assicurarsi che il tatuatore o il piercer apra personalmente davanti ai vostri occhi il materiale monouso sterile e che utilizzi i dovuti sistemi di protezione personale.

posso prendere il sole con un tatuaggio?
il periodo in cui evitare l'esposizione al sole non deve essere inferiore ai 20 giorni dal momento del tatuaggio; nel periodo seguente si consiglia di applicare la protezione totale per almeno un anno e di utilizzare sempre una protezione anche minima negli anni successivi per garantire il mantenimento ottimale del tatuaggio evitando sbiadimenti.

fa male fare un piercing?
il dolore varia in base alla zona scelta ed al tipo di piercing che viene effettuato.

quali sono le zone piu dolorose per un piercing?
le zone più sensibili per l applicazione di un piercing sono quelle che concentrano più terminazioni nervose e quindi più sensibili al tatto e le zone cartilaginee, quindi zone genitali, setto del naso e alcune cartilagini dell'orecchio.

quanto dura la guarigione di un piercing?
La guarigione di un piercing varia in base alla zona scelta ed al tipo di piercing scelto (piercing classico, surface, microdermal, etc.). la guarigione attraversa due fasi principali: la prima fase ovvero la guarigione esterna può variare da 15 giorni a 1 mese, al termine della quale non fa più male la zona interessata e non presenta più rossori nè escrescenze; la seconda fase, la guarigione interna, può variare dai 3 ai 6 mesi, ed interessa la guarigione vera e propria, che vede il foro creato per il piercing perfettamente cicratizzato.

si puo essere allergici ai materiali utilizzati?
sì, si puo essere o diventare intolleranti ai materiali utilizzati quali aghi o pinze ed ai materiali dei gioielli.


posso cambiare il piercing dopo averlo fatto?
un piercing appena fatto viene applicato con gioielli monouso sterili in materiali adatti al contatto con la pelle in fase di guarigione. durante questa fase non bisogna assolutamente togliere il piercing perchè potrebbe causarne la "chiusura" e non cambiare il gioiello sostituendolo con altri perchè potrebbero causare gravi infezioni.

quando non si puo fare il piercing?
non tutti sono adatti all'applicazione del piercing in quanto il gioiello viene applicato adattandosi alla conformazione del corpo, ed in alcuni casi la conformazione naturale di alcune zone può non prestarsi alla foratura.

si possono cancellare i tatuaggi?
no, un tatuaggio dopo esser stato realizzato è assolutamente indelebile, per questo bisogna sempre pensarci bene prima di farne uno. in alcuni casi un tatuaggio puo essere "coperto" con uno nuovo altrimenti per la cancellazione bisogna sottoporsi a trattamenti laser che comunque non riportano la pelle allo stato di partenza lasciando lievi ma evidenti cicatrici.